Blog Musica

COME SCRIVERE UN BUON BEAT

Avere un buon beat è tanto importante quanto avere un buon testo.
Innanzitutto c’è da dire che la musica è regolata da leggi ben precise, le “Leggi dell’Armonia”, che studiano il rapporto tra le varie note.
Naturalmente non dovete conoscere tutto il Manuale d’Armonia a memoria, ma avere delle basi di teoria musicale è un buon inizio.
Molti beatmaker scrivono sul piano-roll andando “ad orecchio”, ovvero cercando di capire se ciò che stanno scrivendo suona bene o meno, ma se qualcuno vi deve giudicare, che sia un’etichetta discografica o un talent scout, non penserà che state andando “ad orecchio”, bensì che state andando “a caso”, i software moderni come FlStudio permettono di impostare una scala su cui suonare per evitare errori d’armonia.


Un altro consiglio che posso dare è di non esagerare con i bassi, poiché il brano potrebbe risultare fastidioso all’orecchio.
Poi, non scrivete 20 secondi di musica per ripeterli 9 volte così da arrivare ad una canzone da 3 minuti, siate fantasiosi, scrivete un qualcosa che non annoi l’ascoltatore, anzi, che lo sorprenda.
Cercate di costruire bene intorno alla melodia portante un’atmosfera in continua evoluzione, così da far suonare il pezzo unico e meno monotono.


Proseguendo, cercate di esplorare più sonorità.
Solo perché scrivete beat trap non vuol dire che siate obbligati ad usare kick e snare 808.
Potreste usare i suoni di batterie acustiche per comporre un beat trap e dare al vostro pezzo un’impronta meno digitale e più ricercata.
Le ripetizioni “skrt” sull’hi-hat ormai sono una moda, distinguono per i più un pezzo trap dal resto, ma vanno comunque saputi posizionare.
Usateli in maniera non invasiva e cercate di usarne più sull’introduzione che sulla strofa, poiché essendo frequenze alte danneggeranno il mixaggio della voce, seppur in minima parte.


Il consiglio più importante che vi posso dare, alla fine, è: studiate.
Informatevi su come si scrive un beat, su come si esegue un mixaggio, su come si fa il beatmaker.
E voi, che consigli dareste ad un beatmaker?